Come avviene l’elezione del “Root Bridge” tramite i “BPDU”?

Corso e Certificazione: Cisco CCNA .

 

Come mostrato durante il corso Cisco CCNA (Capitolo 3-5.2.1.3, 5.2.2.2, 5.3.2.1-2), durante l’esecuzione dello “Spanning Tree Algorithm”, avviato per default al “boot”, gli Switch emettono ogni 2” un messaggio BPDU contenente vari campi, tra cui due istanze del campo BID-Bridge IDentity, ciascuna di 8 bytes:

  • la prima istanza, detta Root ID, indica l’ID del presunto “Root Bridge”: ogni Switch della LAN identifica inizialmente se stesso come “Root Bridge”
  • la seconda istanza, detta Bridge ID, indica l’ID dello Switch che ha creato la Trama BPDU.

Nell’inoltrare i BPDU emessi dagli altri Switch della rete, ogni apparato confronta se il Root ID indicato dagli altri è inferiore al proprio Bridge ID; in tal caso comincia a generare ed inoltrare BPDU indicanti il nuovo candidato “Root Bridge”: quello con il campo BID più basso.  È facile intuire che, in breve, ogni Switch arriva a conoscere quale sia l’apparato con il BID minore di tutti, che viene quindi democraticamente eletto “Root Bridge” della rete.

Nello scambio dei BPDU, ogni volta che uno Switch ne riconosce un altro come possibile “Root Bridge”, aggiorna anche il campo “Cost of path” che vediamo nella prossima Domanda, e che dice in modo convenzionale, come vedremo, la distanza cumulativa dello Switch dal “Root Bridge”. Il comando: S#show spanning-tree permette di vedere chi è stato eletto come “Root Bridge”.